Natalie, Sofia e il portale della chiesa

Conclusi i lavori di restauro del portale della chiesa di San Giovanni Battista a Matera

Nell’omonima piazza, appena sopra i Sassi, piuttosto appartata e aristocratica, c’è una chiesetta che, a detta di molti, è una delle più suggestive tra quelle del centro storico di Matera.

Ad eseguire materialmente i lavori di restauro di parte della facciata romanico/barocca due studentesse della “Scuola di alta formazione e studio Michele D’Elia” di Matera che a questa delicata operazione di restauro hanno dedicato la loro tesi di laurea. Loro sono Natalie Iacopino e Sofia Schiattone, la prima della provincia di Varese, la seconda romana.

“Abbiamo voluto metterci alla prova con la tecnica del restauro su calcarenite.” – spiega una delle due – “Abbiamo cominciato i lavori a febbraio 2020, poi causa pandemia abbiamo dovuto sospendere per quattro mesi. Ed ora finalmente siamo alla conclusione.”

“La chiesa, in particolare la facciata, è in stile romanico/barocca. Le origini della struttura sono medievali (intorno al XII secolo). Il portale, ossia l’ingresso della chiesa che comprende il portone, è di quel periodo (siamo intorno al 1200), mentre il resto della facciata (in particolare decorazioni e sculture) è del XXVII secolo.”

Gli operai, mentre chiacchieriamo nella piazza dinnanzi alla chiesa, smontano le impalcature

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *