Chi è l’uomo al balcone del G20

E’ destinata a diventare una foto storica. L’icona del G 20 che si è tenuto a Matera nei giorni scorsi.

E’ un professore d’inglese in pensione il “cavernicolo” dei Sassi di Matera che guarda dall’alto in basso i venti rappresentanti dei Paesi più potenti della terra. Un gesto politico il suo. Un autentico colpo di genio ripreso da una foto che in breve ha fatto il giro del web.

Ex sessantottino e simpatizzante di sinistra (sempre in prima linea nelle manifestazioni contro il potere ed i potenti). Nato nei Sassi, uno dei primi a riabitarli, dopo lo spopolamento, con una cooperativa (“Malve”) che rappresentava negli anni tra i ’70 e gli ’80 un modello abitativo (occupazione di case dei centri in stato di abbandono).

Una foto che vale mille flash mob e manifestazioni in una città paralizzata dalla chiusura del centro storico e dall’afa a quaranta gradi.

L’autore della foto dovrebbe essere un “locale” (un avvocato con la passione della fotografia). Diciamo dovrebbe perchè nel sistema della “rete”, con il “common creative”, non è possibile risalire con certezza all’autore, con la difficoltà di scindere – a meno che la foto non sia firmata o pubblicata per primo da un’agenzia stampa – chi ha divulgato la foto da chi quella foto l’ha scattata). Comunque sia il suo autore (grazie al soggetto: il prof ed i sassi di Matera) ha realizzato quella che è una foto “perfetta”: iconica, fortemente simbolica, dal forte valore “politico”.

A vent’anni dal G8 di Genova c’è ancora chi ricorda ai grandi della Terra che grandi si è e non ci si diventa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *