Operazione della DDA lucana

La DDA del capoluogo lucano ha condotto un’operazione che ha portato all’arresto di un uomo di origini siciliane con l’accusa di estorsione e di associazione a delinquere aggravata da metodo mafioso.

L’uomo, originario della Sicilia e, secondo gli inquirenti, vicino ad un clan mafioso di Gela, era domiciliato nel milanese. E’ qui infatti che è stato raggiunto da ordinanza di misura cautelare (con sequestro di una somma di denaro pari a circa 70.000 €) e sono state perquisite la sede di una società e l’abitazione (in provincia di Brescia) di un’altra persona.

L’operazione è stata condotta in collaborazione con la Polizia di Stato di Milano e di Brescia.

I fatti che gli si contestano sono relativi alla “posizione monopolistica nel settore dell’impiego e del reclutamento di mano d’opera” al centro oli Tempa Rossa in località di Corleto Perticara e di proprietà della Total, dove l’uomo avrebbe costretto, anche con l’uso delle armi, alcuni operai di una società terza a versargli cospicue somme di denaro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: